«

»

Tra fascismi, veri o presunti, l’unico pericolo è il vostro conformismo

Sembra che in Italia il problema principale sia quello del ritorno del Fascismo.

Una speculazione esasperata e che rischia di assumere dimensioni abbastanza pericolose.

Il Fascismo, con buona pace di scrittori antifascisti in cerca di autore, o di editori, e che senza sarebbero costretti a trovarsi un lavoro vero, è solo uno spettro come mostrano chiaramente le ultime elezioni politiche. Le percentuali difficilmente mentono e basterebbe leggerle per rendersi conto che quello 0,9%, irripetibile perché dovuto ad un voto di protesta fagocitato oggi in toto da Salvini, e l’altro 0,4% ritraggono la realtà meglio di qualsiasi appello: l’unico pericolo è quello di morire di noia.

Ed infatti in molti lo hanno capito decidendo di spostare la barra su temi più adatti ai neocon d’oltre oceano, seguendo in tutto e per tutto la Lega nelle sue sparate nazionalpopolari che di sovranista hanno ben poco. Siamo pronti a scommettere però che nemmeno questo paghi in termini elettorali vista la concorrenza spregiudicata dei partiti al governo oggi.

salone del libro di torino

Il Paese reale ha chiaramente altri problemi che gli intellò non riescono o non vogliono vedere nella loro battaglia quotidiana contro il nulla. A definirli e dargli uno scopo è solo la ricerca di nuovi agitprop fasulli come le idee e le patenti di legittimità che vorrebbero dare.

In questa piazza grande di banalità non si sa se a dar più fastidio sia lo storpiare il nome della casa editrice Altaforte, chi per insulto chi per semplice ignoranza ignorandone l’origine (una sestina di Pound), o bloccare un intero paese agitando lo spauracchio di un pericolo inesistente.

A questi intellettuali, o presunti tali, diamo solo un consiglio: dopo che le elezioni europee dimostreranno ancora una volta quanto la pistola fumante del pericolo fascista sia scarica, trovatevi un nuovo obiettivo. Anche perché tra Nato, atlantismo esasperato se non dogmatico e servilismo politico/culturale non siete poi così differenti dallo stesso Salvini che tentate di combattere.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


due + = 3