«

»

Pascal: cani e perquisizioni, la repressione non è la risposta.

“Cani e perquisizioni, la repressione non è la risposta!”

Nella notte i nostri militanti hanno affisso uno striscione presso l’ITIS Pascal di Labaro nel quale le forze dell’ordine durante la scorsa settimana hanno effettuato delle perquisizioni e dei controlli con cani anti-droga ad ogni singolo studente che si apprestava ad entrare nell’edificio scolastico. Non saranno certo controlli così invasivi dentro le scuole e il “terrore” a fermare un problema sociale come quello delle droghe tra i giovani.

AreAzionerepressione

cani

3 comments

  1. Alberto

    Un semplice controllo nel quadro di una collaborazione che vede i carabinieri al fianco di tutta la comunità scolastica per EDUCARE alla legalità.
    Non è certo il Pascal una scuola repressiva !
    Libertà e democrazia non vuol dire potersi fare le canne a ricreazione.

    1. Niccolò

      Alberto, le droghe sono ormai un problema culturale: i ragazzi credono che farsele che sia giusto e accettato semplicemente perché lo fanno tutti ed ovviamente questo non é un problema del Pascal ma della societá. Infatti per educare, come dice lei, non bisogna terrorizzare i ragazzi o reprimerli in questo modo ma dare loro qualcosa che sostituisca la droga. Ad esempio si immagini se lo Stato invece di buttare soldi in queste retate ai minorenni investisse più soldi nello sport agonistico all’interno delle scuole.
      Fra l’altro, il Pascal ha altri problemi: l’ultimo piano sono anni che é chiuso, sarebbe bello vedere i lavori per metterlo apposto e creare un ambiente più stimolante piuttosto che i cani fuori ad annusare gli zaini degli alunni.
      Grazie Alberto, un saluto.

  2. Michele

    E quindi per ‘educarli’ e far vedere quanto siamo liberi e democratici piuttosto che parlare del problema ‘canne a scuola’ o ‘stupefacenti’ andiamo ad arrestare i sedicenni. Che COERENZA

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


sei + 1 =