«

»

L’esercito delle dodici scimmie

Titolo originale: Twelve monkeys

Paese: Stati Uniti

Anno di uscita: 1995

Genere: fantascienza

Regista: Terry Gilliam

Attori: Bruce Willis, Brad Pitt, Cristopher Plummer

Anno 2035. I sopravvissuti ad un virus che nel 1996 ha sterminato gran parte dell’umanità vivono nelle viscere delle terra dove tecnocrati impongono il proprio volere. James Cole (Bruce Willis) è un detenuto a cui viene data la possibilità di una grazia in cambio di una spedizione sulla superficie con lo scopo di raccogliere informazioni sul virus letale e tornare a ripopolare il pianeta. In superficie nota un murales di un gruppo ecologista “l’esercito delle 12 scimmie” con scritto “WE DID IT” che fa pensare che esso sia l’autore del disastro.


Da qui in poi James inizia un intrecciato e avventuroso viaggio tra passato e futuro alla ricerca di informazioni sull’origine del virus e sull’esercito delle dodici scimmie dove potrà scoprire l’amore verso la dottoressa Kathryn Railly (Madeleine Stowe) e conoscere Jeffrey Goines (Brad Pitt) pazzo scatenato animalista nonché capo delle dodici scimmie.
“Lo sai cosa è pazzo? Pazzo è quello che impone la maggioranza” (Jeffrey Goines)

Con questa frase possiamo capire lo spirito fortemente antisistemico e rivoluzionario del film che lancia chiari e forti messaggi di pubblicità e multinazionali e contro un mondo governato da tecnocrati che hanno instaurato un regime dove la tecnologia prende il sopravvento alla libertà e dove gli uomini sono stati sostituiti dalle macchine. Cole infatti nella sua spedizione riscoprirà quel mondo così libero e colmo di natura dal quale non vorrà più andare via.

Vedi la televisione? È tutta lì la questione, tutta lì la questione. Guarda-ascolta-inginocchiati-prega! La pubblicità! Non produciamo più niente, non serviamo più a niente. È tutto automatizzato, che cazzo ci stiamo a fare allora? Siamo dei consumatori, Jim! Ah… ok, ok, compri un sacco di roba da bravo cittadino. Però se non la compri che succede? Se non la compri che cosa sei, ti chiedo! Che cosa. Un malato! Mentale. È un fatto Jim, un fatto. Se non compri la carta igienica, una macchina nuova, un frullatore computerizzato, un attrezzo elettrico per orgasmi multipli, un impianto stereo con le cuffie che ti spappolano il cervello, cacciaviti con impianti radar miniaturizzati-incorporati, computer ad attivazione vocale…