«

»

Essi vivono

Titolo originale: They live

Paese: USA

Anno di uscita: 1988

Genere: Horror-fantascienza

Regia: John Carpenter

Attori: Roddy Piper, Meg Foster

Essi vivono è un film del 1988 diretto da John Carpenter, tratto da un racconto di Ray Nelson. La pellicola racconta la storia di John Nada, operaio disoccupato che, attraversando gli Stati Uniti in cerca di un impiego, si trasferisce a Los Angeles presso una comunità di senzatetto stanziata fra camper e baracche, che vive all’insegna della solidarietà.

La vita di Nada subisce un’improvvisa svolta quando, dopo una violenta retata della polizia contro la baraccopoli, entra in possesso di un paio di occhiali molto particolari. Una volta indossati questi mostrano al protagonista una realtà ben diversa da quella “normale”, con un mondo nauseante e piatto, comandato da alieni che hanno soggiogato, o talvolta comprato, i terrestri con la più letale delle armi: il consumismo. L’umanità, intorpidita e resa cieca da una lunga serie di messaggi subliminali, ignora completamente lo stato delle cose e i pochi consapevoli si sono venduti a basso prezzo. Nada deve quindi scegliere da che parte stare.

9-essi-vivono-they_live_3

 

Essi Vivono è un “manifesto politico”, una parabola, un’allegoria, una critica alla nostra società. Carpenter mette in scena, attraverso la farsa dell’invasione aliena, il dramma del nostro mondo: apparentemente libero e felice ma in realtà economicamente instabile, vittima di conformismi, omologazione, servilismo ed immobilismo. Un mondo dove un sistema etico-politico-economico, il capitalismo globalizzato e consumista rappresentato nel film dagli extraterrestri, ha sostituito il mondo reale consegnandoci in cambio una effimera percezione di felicità. Non a caso il protagonista è un disoccupato.

Contro questi alieni, che agiscono nell’ombra, che non ci conquistano militarmente ma grazie alla nostra avidità ed indolenza, non c’è altra speranza che la rivolta. Cristallizza questa situazione una frase che appare diverse volte nel film: “essi vivono, noi dormiamo.” Nel suo film più politico, che si distacca in questo senso dai suoi precedenti lavori, Carpenter vede solo il bianco e nero: alieni e uomini. E fra questi c’è chi si vende o si rassegna oppure chi, come Nada, combatte e si ribella.

Acquisizione a schermo intero 18082011 233703

“Può darsi che siano sempre esistite, quelle scritte là. O forse se la godono a vederci odiare tra noi, a guardarci uccidere l’uno con l’altro: a poco a poco diventiamo insensibili a tutto.”

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ tre = 7