«

»

Dov’è la nostra sovranità?

La settimana scorsa il premier Monti per la prima volta ha dimostrato la sua disponibilità a prolungare il suo impegno a capo del governo, qualora ce ne fosse il bisogno. Casini ha subito sposato l’idea, mentre Bersani in un furor democratico (ce n’è ancora in questa paese di democrazia, dal momento che chi ci svuota le tasche non è stato eletto?) vorrebbe prima le elezioni per poi riparlarne…

Non ci meravigliamo mica dal momento che il governo Monti è stato sostenuto dai primi tre gruppi parlamentari (Pd, Pdl, Udc), da quelli minori (Fini & Co.) e anche dal mondo industriale (Montezemolo in primis). Non ci meraviglieremmo neanche se ci fosse un Monti bis che consegnasse una volta per tutte l’Italia in mano alla stessa Finanza che sta uccidendo il suo popolo!

Con il Professore senatore a vita abbiamo poche certezze e molti dubbi sul futuro dell’Italia. In qualsiasi situazione, a cominciare dalla mancanza di numeri per formare un nuove governo ad elezioni fatte, potremmo trovarci questo tecnocrate a Palazzo Chigi. A Madrid ed Atene la gente fuori ai parlamenti chiede le dimissioni dei “politici”, mentre noi, al massimo, per chi se lo può permettere, facciamo la fila per comprare il nuovo iPhone 5…

Se ci fosse un Monti bis (escludendo il fatto che venga eletto ovviamente) sarebbe la fine della democrazia, dello stato sociale e di ogni tipo di politica in Italia: l’unica cosa a contare saranno i mercati ed i meccanismi finanziari che vengono creati ad hoc dalla Banca Centrale Europea per ricattare il nostro paese. È impensabile una cosa del genere, che il tanto declamato articolo uno della costituzione venga tradito definitivamente! Dov’è la nostra sovranità? Noi la reclamiamo e ce la riprenderemo, in qualunque modo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


9 + sette =