Archivio Categoria: Geopolitica

Quindici anni dopo l’Iraq come monito

Chi ha un po’ di memoria fotografica, prima che politica, non può dimenticare le immagini di piazza Firdos a Baghdad quando le truppe di occupazione americane, giunte sul posto, abbatterono la statua di Saddam Hussein. Una scena ben studiata e da buttare in pasto all’opinione pubblica occidentale visto che poi, particolare su cui quasi nessuno …

Continua a leggere »

Fredde ombre di guerra

“In segno di solidarietà con Regno Unito e in coordinamento con partner Europei e alleati NATO…” è stata la frase di Federica Mogherini che ha preceduto l’espulsione congiunta dei molti diplomatici russi dalle proprie sedi. Il resto semplice cronaca. La sensazione però è che i membri NATO abbiano agito con sufficienza e con poca lucidità …

Continua a leggere »

Quelle comiche libiche

Insomma mentre truppe speciali francesi, e probabilmente anche americane ed inglesi, scorrazzano per il paese nel tentativo di puntellare il fragile ed inesistente governo di Al Sarraj, l’Italia tace in un imbarazzante silenzio. In primis va detto che questa forzatura da parte delle nazioni unite di cooptare così un esecutivo, infischiandosene di tutte le parti …

Continua a leggere »

Il colpevole silenzio di fronte a chi vuole smembrare la Libia

Stando a quanto riporta Il Foglio in Libia le tre potenze responsabili del caos in cui è piombata starebbero preparando da mesi il terreno per un intervento militare contro lo Stato Islamico. Daniele Ranieri, l’autore del pezzo, parla di forze speciali americane, francesi ed inglesi presenti in basi militari dislocate in varie zone del paese. …

Continua a leggere »

Siria, dove la diplomazia è il proseguimento della guerra

Se è vera la celebre citazione di Von Klausevitz “la guerra è la prosecuzione della politica con altri mezzi”, tratta dal “Della Guerra”, facendo una forzatura potremo capovolgerne il significato sostenendo il contrario: “la diplomazia, quindi la politica estera, è la prosecuzione della guerra con altri mezzi”. Questa nostra provocazione si sposa perfettamente con ciò …

Continua a leggere »

La Siria come nuovo scacchiere geopolitico

Se dovessimo analizzare la guerra civile siriana, oltre all’immane tragedia umanitaria e al dilagante doppiopesismo occidentale, emergono fattori molto importanti da analizzare. Primo fra tutti il lento declino statunitense, seguito dall’inettitudine europea ed italiana e, infine, una Russia sempre più al centro delle relazioni internazionali nel mediterraneo. Partendo dal principio gli Stati Uniti hanno perso …

Continua a leggere »

Siria, 4 anni di resistenza!

G8 o Gang Bang?

Post precedenti «