«

»

Open Source

La disponibilità dei mezzi di produzione ha infiammato per secoli le lotte di classe in tutta l’Europa: dall’Inghilterra, alla Francia, alla Germania all’Italia dovunque si combatteva per impedire ai proprietari degli strumenti di produzione di sfruttare coloro che di fatto erano gli utilizzatori finali dei macchinari.


Oggi però i mezzi di produzione non sono più le semplici “macchine”: l’informatica infatti ha assunto un ruolo centrale nella vita e nel lavoro di molte persone, ma spesso capita che anche coloro che hanno bisogno di usufruirne per studiare o lavorare vengano sfruttati e costretti a pagare delle licenze a costi proibitivi senza che gli venga data la possibilità di prescindere dall’utilizzo di determinati software.
AreAzione non è a favore della pirateria, perché aperta violazione delle norme istituzionali, ma incoraggia vivamente l’utilizzo di software open source, perché liberi da vincoli, da costi molto spesso ingiustificati e creati dagli utenti per gli utenti, in modo che tutti possano beneficiarne.


Solo incrementando l’utilizzo degli open source se ne potrà favorire un’ulteriore diffusione ed aumento dell’offerta sia quantitativa che qualitativa. AreAzione incoraggia anche gli utenti ad effettuare delle donazioni spontanee ai programmatori di software open source, visto che nessuno di questi progetti si regge sulle fondamenta solide di un calcolato rischio imprenditoriale di una multinazionale, ma solo sull’impegno e la costanza di un più o meno nutrito gruppo di ragazzi che vogliono fornire a tutti la possibilità di sfruttare al meglio le proprie capacità con l’aiuto di un computer e di un software adeguato e alla portata di tutti.


AreAzione consiglia: